Cerca
Close this search box.

Sandro Fay

LA SOCIETÁ AGRICOLA FAY nasce nel 1973 per opera di Sandro Fay che, partendo dalla piccola produzione enologica di famiglia, decide di sviluppare questa attività; dal 1998 è affiancato dai figli Marco ed Elena. La superficie aziendale è di 15 ettari.

La Valtellina è la più grande area viticola terrazzata di montagna in Italia. La varietà autoctona coltivata è il Nebbiolo, localmente chiamato Chiavennasca. La vite viene coltivata in una fascia altimetrica compresa tra 350 m s.l.m. e 900 m s.l.m.

Sandro Fay rappresenta uno dei produttori più importanti e apprezzati di tutta la Valtellina in virtù dei suoi vini eleganti e della filosofia produttiva autentica ed ecosostenibile. La cantina è stata fondata nel 1973 da Sandro, il quale raccolse e valorizzò la piccola produzione di famiglia. Dal 1998 egli è affiancato dai figli Marco ed Elena, che vanno a formare un affiatato quadro famigliare impegnato nell’esaltazione delle caratteristiche di ogni singolo vigneto, unico per attributi pedologici e altimetrici.

I 15 ettari di vigne di proprietà della tenuta Sandro Fay poggiano sui caratteristici terrazzamenti che disegnano il versante Retico della Valtellina, riservati alla varietà-simbolo del territorio: il Nebbiolo, localmente chiamato Chiavennasca. Oltre al Nebbiolo i Fay allevano una piccola quota dei vitigni internazionali Chardonnay, Sauvignon Blanc, Merlot e Syrah. Per via delle ripidissime pendenze, le operazioni agronomiche vengono svolte interamente a mano in un contesto enoico che costituisce uno dei casi più eclatanti di viticoltura eroica. Le altitudini vanno da 350 fino a ben 900 metri sul livello del mare e la quasi totalità delle vigne si trova nella sottozona di Valgella, una delle cinque microaree che rientrano nella denominazione di origine controllata Valtellina Superiore, con la restante parte situata nella sottozona di Sassella. I suoli, derivanti da formazioni granitiche sfaldate, sono prevalentemente sabbiosi, con minore percentuale di limo e assenza di argilla e calcare, mentre il clima è molto soleggiato e tipicamente alpino, fresco e con importanti escursioni termiche tra il giorno e la notte durante il periodo di maturazione dei grappoli. In cantina, le fermentazioni hanno luogo in vasche di acciaio inox, così da preservare la straordinaria freschezza e finezza dei vini, mentre i conseguenti periodi di invecchiamento avvengono per lo più in botti grandi di rovere o in tonneau.

La gamma di etichette di Sandro Fay riesce a riflettere la sublime raffinatezza e leggiadria della Chiavennasca Valtellinese, un Nebbiolo dall’animo di montagna che la cantina cura e lavora con grande maestria, puntando a esaltarne le innumerevoli qualità intrinseche.

Vigneti

I nostri vigneti si estendono per una superficie complessiva di circa 15 ettari; per tradizione famigliare l’azienda è fortemente legata alla sottozona Valgella, dove si concentra la quasi totalità della produzione.

Microclima

Il clima è molto soleggiato e tipicamente alpino, fresco e con importanti escursioni termiche tra il giorno e la notte

Terreno

I terreni sono prevalentemente sabbiosi (circa 70%), limosi (circa 18%), con assenza di argilla e di calcare, a pH acido compreso tra 4,5 e 5,5. Derivano da formazioni granitiche sfaldate e presentano spessore variabile da meno di 1 metro a qualche metro.

Indirizzo:

Società Agricola Fay Via Pila Caselli, 1 23036 - San Giacomo di Teglio (Sondrio)

Le bottiglie di questa cantina: