Cerca
Close this search box.
Categorie
Blog

Perchè si usa la bottiglia da 750 ml per il vino?

Perché viene utilizzata in tutto il mondo la misura di 750 ml per le bottiglie di vino??

E’ nel 1975 che la Direttiva Europea sugli imballaggi (Direttiva 75/106) ha decretato che il vino possa essere messo in commercio soltanto confezionato in recipienti di determinate capacità, rendendo quello da 750 ml il formato più comodo sia per il cliente che per l’azienda produttrice.

Ma analizziamo il perché di questa scelta, ci sono infatti almeno 3 teorie per poter spiegare questa particolare unità di misura.

Vediamole insieme:
1)una di queste riporta una questione molto pratica risalente al 18° secolo, quando si comprese l’importanza di conservare il vino in contenitori di vetro.
All’epoca la creazione di bottiglie di vetro era compito degli antichi vetrai che lo soffiavano.
La loro forza polmonare era ovviamente limitata e permetteva di creare bottiglie non più grandi di 650-750 ml. Così, si optò per la bottiglia dal formato più capiente, ovvero quella da 750 ml.

2)Secondo un’altra teoria si utilizzano 75 cl in quanto una bottiglia di questa grandezza contiene esattamente 6 bicchieri da 125 ml utilizzati nelle osterie.

3)Altri ancora sostengono che questa unità di grandezza sia stata tramandata dagli inglesi che misuravano il volume in galloni imperiali. Ogni cassa di vino poteva contenere solo 2 galloni e gli inglesi decisero di inserire 12 bottiglie per ogni cassa. Il risultato è di 750 ml per ogni bottiglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *