La Storia

E’ alla fine degli anni ’80 che Piero Peppucci e Luisa Giontella, alla ricerca di un luogo nelle campagne tuderti dove poter crescere i loro figli Elisabetta e Filippo e di li a poco Agnese, a contatto con la natura, arrivarono quasi per caso a Sant’Antimo.

Pur completamente abbandonato il monastero costruito da monaci benedettini della congregazione vallombrosana intorno alla prima metà del XIII sec. conservava ancora intatto tutto il suo fascino. Non è un caso se Renzo Pardi nel suo libro “Ricerche di Architettura Religiosa Medioevale in Umbria” lo definisce uno degli insediamenti più affascinanti ed interessanti dell’intera architettura medioevale umbra.

Da quel momento tutti i loro sforzi furono indirizzati nel riportare alla luce quella meraviglia facendone in un primo momento la loro casa poi, con l’acquisizione dei terreni circostanti, centro di una nuova e più grande avventura, produrre qui i loro vini.

Si è proceduto quindi all’impianto di nuovi vigneti selezionando i vitigni autoctoni per eccellenza quali il grechetto di Todi, il sagrantino e il sangiovese e i vitigni internazionali cabernet franc, cabernet sauvignon e merlot.

Cantina Peppucci - Foto di Cantina Peppucci, Todi - Tripadvisor

Nel 2010 si è completata la realizzazione della nuova cantina che ha permesso di elevare ancor di più il livello qualitativo dei vini prodotti; un posto dove poter non solo lavorare al meglio ma avere la possibilità di accogliere gli appassionati e poter comunicare tutto quello che rende i vini Peppucci quello che sono.

Una storia d’amore, pazienza e dedizione che coinvolge ancora oggi tutta la famiglia; Piero, Luisa agronoma dell’azienda, le figlie Elisabetta e Agnese quali “ambasciatrici” e il figlio Filippo che cura la parte commerciale.

Filosofia

L’obiettivo è di produrre vini che siano autentica espressione di questo splendido territorio, in cui l’altitudine, la cornice dei boschi, il suolo sassoso, il vento che non cessa mai di spirare, un sole che accompagna le viti dal sorgere al tramonto, possono veramente dar luogo a vini di classe superiore.

Interpretare il territorio attraverso la valorizzazione dei vitigni autoctoni quali il grechetto di Todi e il sagrantino e il sangiovese non disdegnando l’utilizzo dei grandi vitigni internazionali.

Il nostro lavoro poi è anche quello di permettere al vino di esprimere la sua inconfondibile personalità svelando i segreti del luogo in cui è nato e di chi lo ha generato.
Questa la nostra filosofia.

I Vigneti

Sui propri terreni, particolarmente vocati per composizione, giacitura ed esposizione, l’azienda ha impiantato 13 ettari di nuovi vigneti con viti di grechetto di Todi, sagrantino, sangiovese, colorino, nonché con vitigni internazionali quali merlot, cabernet sauvignon e cabernet franc.

Vigneti dalle caratteristiche moderne, sia per il sesto di impianto adottato, caratterizzato da una elevata densità dei filari – per complessive 5.050 piante ad ettaro – sia per il sistema di allevamento, il cordone speronato bilaterale, particolarmente adatto per realizzare vini di elevato pregio.

La conduzione attenta in vigna, la precisione delle lavorazioni, la scelta dell’epoca vendemmiale per ogni singola varietà e appezzamento e una attenta e rigorosa raccolta manuale in cassette ci consentono di avere vini che siano, in ogni singola annata, la migliore espressione possibile di questa nostra terra.